scatola nera
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Sono in arrivo gli sconti sull’assicurazione auto per chi fa installare la scatola nera sul proprio veicolo e per gli automobilisti ‘virtuosi’ (ossia che non abbiano provocato incidenti con responsabilità esclusiva, principale o paritaria negli ultimi 4 anni) che abitano nelle province in cui avvengono più incidenti stradali e in cui si pagano in media i premi più elevati, spesso al Mezzogiorno. Lo stabilisce un emendamento al ddl Concorrenza, approvato dalla commissione Industria del Senato. Testo di legge, ricordiamolo, che ad oggi (3 agosto 2016) non è stato ancora approvato.
Sugli sconti in materia Rc auto, secondo un subemendamento dei relatori al ddl Concorrenza appena approvato in commissione Industria del Senato, l’Ivass con un suo regolamento “da emanare entro 90 giorni” (e non più 120) dall’entrata in vigore del ddl Concorrenza, “definisce i parametri oggettivi, tra cui la frequenza dei sinistri e il relativo costo medio, per il calcolo dello sconto aggiuntivo”, ossia quello per gli automobilisti ‘virtuosi’ che abitano nelle province ad alto tasso di sinistri stradali (facenti parte di una lista tenuta dalla stessa Ivass). PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

Lo stesso subemendamento stabilisce anche che sempre l’Ivass “verifica, inoltre, che lo sconto aggiuntivo garantisca la progressiva riduzione delle differenze dei premi applicati sul territorio nazionale nei confronti di assicurati con le medesime caratteristiche soggettive e collocati nella medesima classe di merito”.
Per quanto riguarda invece gli sconti Rc auto obbligatori, quelli dedicati per esempio a chi monta la scatola nera sulla propria auto, un altro subemendamento approvato stabilisce che “i costi di installazione, disinstallazione, abbonamento annuale, spese di funzionamento, sostituzione e portabilità (del dispositivo installato ndr) sono a carico dell’impresa assicuratrice.