Lonigo –I Carabinieri arrestano due rumeni per furto di oltre 13 quintali di rame in un’azienda.

Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Brillante operazione stanotte a Lonigo dei Carabinieri delle Stazioni di Sossano, Campiglia dei Berici e Camisano Vicentino: i predetti infatti hanno arrestato per “furto aggravato in concorso” Barbascu Ovidiu, 26enne, e Pietraru Ovidiu Ionut, 24enne, entrambi rumeni e residenti a Ferrara, gravati da numerosi precedenti di polizia anche specifici per furto e porto di oggetti atti ad offendere ed allo scasso.
Nella tarda serata di ieri sera, a seguito di segnalazione di un cittadino privato al numero 112, sono stati segnalati dei movimenti sospetti all’interno della ditta “Fiamm”, specializzata nella produzione di accumulatori e batterie. Le pattuglie delle Stazioni di Sossano e di Campiglia, giunte prontamente sul posto, senza farsi scoprire ed in attesa dei rinforzi, notavano la presenza di un furgone Nissan Vanette con due soggetti che si stavano muovendo all’interno della ditta. All’arrivo della pattuglia di Camisano, i militari intervenivano in maniera decisa e riuscivano a bloccare i due rumeni mentre si stavano allontanando con il mezzo dopo aver asportando 17 bobine in rame, del peso di 80 kg ciascuna, per un valore complessivo di 60 mila euro.

PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE




Tendenza
Gli immediati accertamenti esperiti dagli inquirenti permettevano di accertare che gli stessi era presumibilmente gli autori di un furto avvenuto nella medesima ditta la notte precedente, nel quale erano state asportate 18 bobine di rame da 80 kg ciascuna, caricandole sempre su un furgone per poi allontanarsi; il danno quantificato era di quindicimila euro.
Il materiale rinvenuto è stato restituito al legittimo proprietario. Gli arrestati sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della Compagnia di Vicenza, in attesa del rito per direttissima fissato per la mattinata odierna, nel quale venivano convalidati gli arresti ed entrambi sottoposti agli arresti domiciliari in provincia di Ferrara.