Bei, bravi tuti. Ma desso basta. Ghemo capìo che George Clooney e Alma se gà sposà. Mentre l’Isis se difonde in tuto el medio oriente, mentre Renzi spara cazade, mentre in Italia sara gran parte dei negozi, i consumi xè a zero, i sprechi e la mafia xè el motivo dominante dea nostra poitica, quasi tute le testate televisive e giornaistiche xè concentrà sul matrimonio de Clooney. Quando che la va ben, perché se vardè el resto, se parla dela biografia dei tronisti de ‘Omini e done’ de la De Filipo, dei vestiti dea Moreti, dele vacanze de Briatore e dea Gregoraci, del costume de la Boschi. Per dirla col Foscolo, se sarisimo un po’ roti i cojoni. Savemo quante volte che Clooney xè andà in bagno, la tesitura e el prezo del so vestito de matrimonio, la provenienza esata dei gioieli de la femena. Savemo anca le parole esat che el mona de Veltroni gà pronuncià par farli sposare col rito civile. Non solo, come se non bastase i ne dise anca quando che i monta in barca par andare fora, quanta gente che i varda. Lezemo anca, da na grande testata italiana “Nel resort sul Canal Grande tutto era già stato inondato di roselline bianche, camerieri con fez, e l’orchestra d’archi pronta per il concerto acustico studiato con un trio jazz più pianista. Il pezzo forte è stato «When I Fall in Love», di Nat King Cole, che significa quando mi innamoro sarà per sempre, dichiarazione d’intenti per l’avvocata di origini libanesi che il non più nostro George ha chiesto in moglie con un diamante da sette carati costato 570 mila euro”. Venesia vive de questo se sa, la xè un orgoglio, ma come che diseva un vecio deto veneto “da Mestre al Portogalo xè tuta campagna” e… fra un po’, se la continua così, ghe sarà el deserto.