Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Il rapper 21enne di origini ghanesi Bello Figo terrà un concerto a Schio (Vicenza) il prossimo 30 giugno e una valanga di polemiche si abbatte sull’evento. Infuocati attacchi da destra, ultimo in ordine di tempo quello di Forza Nuova Vicenza che dirama un comunicato a firma del segretario Daniele Beschin contro il rapper che dichiara di votare Pd, cresciuto a Parma, che nei testi dei suoi brani parla di immigrazione e sbeffeggia chi si oppone all’arrivo massiccio di migranti in Italia.

“Il concerto di Bello Figo deve venire annullato” recita il documento. “E’ questione di buonsenso e rispetto nei confronti di milioni di italiani che versano in gravissime difficoltà economiche e finanziarie.” Pronto l’intervento della destra radicale vicentina di Forza Nuova sull’evento che tanto sta facendo discutere.
“Io non faccio operaio”, “io non pago affitto”, “io sto in albergo a 4 stelle”, “andiamo in stazione a rubare”, “vogliamo il WI FI”sono schifezze che in questo momento storico non possono essere accettate e ci comporteremo di conseguenza  se le autorità non inviteranno il gestore del locale a desistere da questa pagliacciata.

“Nella situazione di disagio che si vive in alcune zone italiane, le parole di questo personaggio sono come legna da ardere che alimenta il fuoco”, continua Daniele Beschin, segretario provinciale di Forza Nuova. “E’ evidente che il 30 giugno la mobilitazione sarà massiccia ed ognuno dovrà assumersi le sue responsabilità, anche se auspichiamo prevalga il buonsenso soprattutto da parte delle autorità chiamate a gestire l’ordine pubblico.

PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE




“In caso contrario ci mobiliteremo con gli altri movimenti dell’area per impedire questo scempio. Se a pronunciare certe parole contenute nei testi delle canzoni di questo fenomeno da baraccone, fosse stata una qualsiasi altra persona, magari bianca, si sarebbe gridato allo scandalo, al sessismo, all’odio razziale con relativa applicazione della legge Mancino. Ci chiediamo dove sono invece tutte le femministe, come mai non si indignano di fronte ad un pagliaccio che invita a violentare le donne bianche e a rubare.”
Forza Nuova promette dunque battaglia: “ho parlato ieri con il gestore del locale”, conferma Beschin, “un dialogo cordiale durante il quale abbiamo spiegato le nostre ragioni, invitandolo a desistere. Mi sembra che qualche segnale di apertura ci sia stato anche se mi ha detto che il passo deve venire essenzialmente dalle autorità preposte, il questore su tutti. In tutta Italia, questi concerti demenziali stanno subendo annullamenti un pò ovunque, il periodo storico lo impone, la tensione sociale è alle stelle e non abbiamo bisogno di provocazioni e pagliacciate”