mostro loch ness

PER ESSERE AGGIORNATO ADERISCI AL GRUPPO FACEBOOK “NOTIZIE VENETE CURIOSE” OPPURE VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DI VENETIANPOST



Da decenni esploratori di ogni rango si sono messi alla ricerca del leggendario mostro di Loch Ness. Finalmente una scoperta sembrava portare una novità importante, rispetto ai soliti improbabili avvistamenti di strane creature sfocate in dubbie riprese video. In realtà l’ultima scoperta non è altro che una sorta di relitto di un film hollywoodiano degli anni ’60.
Alcuni esploratori della società norvegese Kongsberg Maritime che hanno utilizzato un robot sottomarino, hanno individuato e ripreso con le telecamere una sagoma nella melma in fondo al lago (a 590 piedi) e la forma (riconoscibile dal lungo collo ricurvo).
Il mostro era stato costruito per il film del 1969 “La vita privata di Sherlock Holmes” con Robert Stephens e Colin Blakely. Il modello sprofondò nell’abisso prima dell’inizio delle riprese.
A sostenerlo è l’esperto in ricerche del mostro Adrian Shine che coordina il Loch Ness Project, ed esplora da anni per trovare il corpo del mostro più misterioso della storia.
Shine, parlando alla BBC, ha detto che il modello di Hollywood in origine aveva due gobbe che avrebbero garantito la galleggiabilità. Alla fine il regista del film, Billy Wilder, decise di farle rimuovere e questo causò l’inabissarsi del modello.
In un comunicato, i ricercatori hanno chiamato la scoperta “solo l’inizio” delle loro scoperte, staremo a vedere.
Kongsberg Maritime Ltd ha iniziato a scrutare le acque del lago con alcuni dei primi sonar multibeam al mondo nel 1987. Se ancora non hanno trovato Nessie, hanno perlomeno avuto un piccolo bonus inaspettato.

«Non si tratta di non seguire le regole o di nuova strategia – precisa ancora la società commerciale – I furti sono stati tutti e tempestivamente denunciati alle forze dell’ordine. In alcuni casi i ladri, colti in flagranza di reato, vengono fermati. Ma poi subito scarcerati». La ‘gogna’ con le immagini affisse in bacheca, insomma, «è un gesto sicuramente forte. Ma in ogni caso i volti non sono riconoscibili». (nella foto: il modello usato nel film) mostro loch ness2