Il giornali filogovernativi non ne parlano. Anche in questo caso ciò che accade si può conoscere per lo più online. E’ così che fa il giro d’Italia la notizia della clamorosa protesta dei profughi alloggiati al residence “Magnolie” di Eraclea Mare in provincia di Venezia. Il numero di migranti ospitato nella struttura rimane elevato e la prefettura di Venezia nella tarda mattinata di lunedì ha effettuato l’ennesimo sopralluogo nel residence, dopo che la sera precedente all’ora di cena alcuni dei migranti hanno lanciato a terra decine di vassoi. La clamorosa protesta, che stride fortemente con l’immagine di migliaia di affamati che scappano da guerre attraversando mari in condizioni disumane, pare sia stata inscenata per la presunta qualità scadente della cena. Non certo una bella immagine a sostegno della loro causa tant’è vero che è stata rilanciata sul web dai principali leader politici anti renziani, come Giorgia Meloni e Matteo Salvini.
Solito silenzio imbarazzante da parte del PD, che con la cialtroneria e la drammatica incapacità dei suoi esponenti sta spingendo a destra il Paese con un impegno e una velocità inusuali.
La leader di Fratelli d’Italia scrive: “A chi si lamenta e nel 90% dei casi non ha diritto all’asilo politico e alle ”solidali” cooperative che hanno trasformato l’immigrazione un business – scrive – ricordo che lo Stato italiano spende 30 euro al giorno per immigrato. Soldi che l’Italia non prevede invece per i suoi anziani, per i disoccupati, per le famiglie che non ce la fanno ad arrivare alla fine del mese e a mettere in tavola la cena. Al Governo invece chiedo: avete già messo in ginocchio Eraclea, la sua immagine di località turistica e gli operatori del settore con le vostre folli politiche sull’immigrazione. Dopo l’ennesima protesta di ieri continuerete a dormire o vi svegliate?”.


VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DI VENETIANPOST E RESTA AGGIORNATO