Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Novità nel parco giochi italiano per antonomasia. Al Gardaland Sea Life Aquarium, a partire da questo weekend, gli ospiti potranno scoprire un angolo di Foresta Amazzonica, una stanza dove è stato ricreato un ambiente originale con piante acquatiche e pesci d’acqua dolce tropicali tra i quali i curiosi piranha “vegetariani” accanto a quelli carnivori. Sembrerà di avventurarsi nella fitta vegetazione dell’ecosistema della foresta amazzonica, polmone verde della Terra, ricchissima di biodiversità, dove vivono almeno 60.000 specie di piante e circa 3.000 specie di pesci, uno dei pochi angoli del mondo rimasti in gran parte intatti e inesplorati.
L’Amazzonia è una zona che sta duramente subendo i danni causati dal disboscamento e dal cambiamento climatico e, per queste ragioni, tutte le sue specie, dalla flora alla fauna, sono in via di estinzione. Gardaland Sea Life Aquarium ha scelto di avvicinare tutti i suoi ospiti ad alcuni esemplari di pesci e piante che vivono nella Foresta Pluviale. Tutti potranno incontrare da vicino i pesci che popolano i corsi d’acqua amazzonici tra i quali i classici Piranha carnivori ed erbivori, i Pesci Pinguino e il Pesce Palla Amazzonico. Per chi ha sempre pensato che i pesci piranha fossero solo carnivori, nell’Acquario gardesano scoprirà i piranha vegetariani: niente carne nella loro alimentazione ma solo dieta prettamente vegetariana. Guardarli durante la loro pausa pranzo è divertente, un passo in più verso la conoscenza del mondo sottomarino.
I piranha carnivori, la cui anatomia e le caratteristiche uniche conferiscono loro la fama di voraci e implacabili predatori, tendono a nascondersi in mezzo alla vegetazione; in natura questi esemplari sono molto attivi nel pomeriggio e fino a inizio serata, momento in cui si rifugiano in luoghi riparati. Il loro tratto distintivo è costituito dai denti – ricurvi e a forma triangolare – che hanno come caratteristica quella di chiudersi a cerniera come quelli dei coccodrilli. Il piranha è in grado di percepire le più piccole variazioni dell’ambiente circostante grazie ad una particolare struttura ossea modificata che collega la vescica natatoria all’orecchio interno.
E se da un lato sguazzano piranha e pesci palla, dall’altro il re delle acque indo-pacifiche si fa spazio tra il reef della vista oceanica: si tratta dello Squalo Chitarra. Il nuovo ospite, conosciuto dagli esperti come Glaucostegus typus, è un singolare esemplare dalla forma insolita e quasi preistorica, a metà tra uno squalo e una razza che nuota con grande eleganza nelle acque della vista oceanica. Pesa all’incirca 70 kg per 1,90 metri di lunghezza e 70 cm di larghezza, lo Squalo Chitarra viene alimentato 2 volte al giorno con 600 gr. di pesce alternando calamari, naselli e, qualche volta, granchio.
PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIEQuesto fantastico esemplare è diffuso nelle acque tropicali costiere dell’area indo-pacifica e vive fino a 90 metri di profondità. Il suo aspetto è caratterizzato dall’ampio corpo massiccio e dal muso appuntito. La linea della sua bocca è fortemente ondulata e possiede creste spinose su testa e schiena. Questa specie, di grandi dimensioni, può crescere fino a 2,7 m. di lunghezza e raggiungere i 135 kg. di peso. La ricca vegetazione presente nelle vasche non è riprodotta ma è tutta originale, formata da specie di piante acquatiche tropicali che puntano a ricreare perfettamente l’habitat naturale mettendo gli esemplari a proprio agio seppure tra gli sguardi curiosi e divertiti di grandi e bambini.