E’ stato identificato il cadavere di un giovane scomparso da casa a fine novembre 2018. Appartiene infatti a Henry Raphael Kazim, il giovane rugbista 19enne italo-nigeriano scomparso a fine novembre in provincia di Venezia dopo una lite con i genitori, il corpo riaffiorato il 26 dicembre scorso da un canale a Mira (Venezia).
    La conferma è venuta dall’esito dell’esame di comparazione del Dna svolto presso l’istituto di medicina legale dell’Università di Padova. Allo stato, in base agli esami finora svolti, la causa della morte è attribuibile ad annegamento, senza segni di violenza.
    Il giovane, una promessa del rugby italiano, residente a Mira, studiava Scienze politiche a Padova e giocava nel Rugby Riviera. Intorno alle due di notte del 26 novembre scorso, dopo una discussione, si era allontanato da casa non dando poi più notizie di sé.
    Le indagini e le ricerche sono state svolte dai carabinieri del Nucleo Operativo di Venezia. Dopo un mese dalla scomparsa, il corpo, in avanzato stato di decomposizione, era stato recuperato dai sommozzatori dei vigili del fuoco. (ANSA).