ucraina

Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



 Il Consiglio della Regione Veneto discuterà e voterà domani la risoluzione proposta dal consigliere Stefano Valdegamberi (LZ) per la costituzione di comitato contro le sanzioni alla federazione russa, per il riconoscimento del diritto di autodeterminazione della Crimea.
    “E’ giunto il momento di dire basta alle assurde sanzioni volute dal governo italiano, insieme agli altri governi dell’Unione Europea contro la Federazione Russa – dice Valdegamberi – Queste, oltre che ad essere ingiuste ed inefficaci sono del tutto controproducenti per la nostra economia veneta”. “La questione della Crimea, da cui derivano le sanzioni europee che hanno causato l’embargo russo ai nostri prodotti agro-alimentari – conclude -, è paradossale: l’Europa per la prima volta nega il diritto di autodeterminazione ad un paese la cui storia e cultura è da sempre stata legata alla Russia. Nega la volontà di un popolo espressa con un voto alla quasi unanimità del suo Parlamento, confermato da un successivo referendum popolare”. PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

Crimea e Sebastopoli sono diventate parte della Russia a seguito di un referendum avvenuto a marzo 2014. A favore della riunificazione con la Russia ha votato il 96,77% e il 95,6% degli elettori rispettivamente in Crimea e a Sebastopoli.
L’ambasciatore d’Ucraina in Italia ha scritto una lettera a tutti i consiglieri regionali in cui avverte: «La Crimea è parte integrante del territorio dell’Ucraina».