fake doctor
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Nell’ambito dell’azione di contrasto all’esercizio delle professioni abusive posta in essere dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Venezia, i militari della Tenenza di Jesolo hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Venezia un soggetto che, spacciandosi per medico chirurgo, con tanto di laurea falsa appesa alla parete del proprio studio, esercitava abusivamente da anni la libera professione a discapito degli ignari pazienti che si sottoponevano alle sue cure. Appostamenti, osservazioni ed analisi delle pagine “facebook” del soggetto controllato, hanno permesso di accertare che il falso medico riceveva numerose persone presso un locale attiguo alla propria abitazione, adibito a studio ed ambulatorio, ove esercitava l’attività professionale abusiva. La posizione fiscale del soggetto, pur essendo titolare di partita iva per l’esercizio di attività non sanitarie inerenti il benessere della persona, era assolutamente priva di redditi dichiarati a partire dal 2004. Le perquisizioni, eseguite presso i locali individuati, hanno permesso di rinvenire svariata attrezzatura professionale medica e fisioterapica, farmaci, listini prezzi indicanti le diverse terapie sanitarie offerte nell’ambito della riabilitazione muscolare ed articolare e numerose schede dei pazienti. Venivano rinvenuti attestati professionali non abilitanti l’esercizio di pratiche medico sanitarie ed una laurea in medicina e chirurgia risultata, dopo attento esame, assolutamente falsa. Si è ricostruito un flusso di pazienti nell’ordine di 800 visite all’anno. Parte di questi, opportunamente interrogati dai militari investigatori, hanno testimoniato che il falso medico godeva da anni di un credito professionale nell’ambito delle terapie riabilitative fisiatriche e nella manipolazione delle ernie, che si alimentava attraverso il semplice strumento del passaparola. Le persone che si rivolgevano allo studio controllato erano, nella quasi totalità dei casi, affetti da ernie alla colonna vertebrale e comunque da traumi muscolari ed articolari di una certa importanza. Queste hanno dichiarato di essere state visitate dal soggetto indagato, di avergli sottoposto ad esame referti strumentali e di essere state trattate con terapie manipolative consistenti, in numerosissimi casi, nel rientro delle ernie con pressioni esercitate mediante le dita o ricorrendo all’uso di attrezzi rigidi. Al termine alle operazioni di polizia giudiziaria, la Tenenza di Jesolo ha sottoposto il falso medico ad un attento esame sul piano fiscale che ha condotto alla contestazione, nelle annualità non già prescritte, di ricavi non dichiarati per circa 300.000,00 euro ed I.V.A. per circa 60.000,00 euro. Attraverso l’analisi dei conti correnti, inoltre, i militari hanno scoperto che il soggetto, molto noto in zona, aveva anche percepito, a vario titolo, dal Comune di Jesolo, benefici a sostegno del reddito, per oltre 30.000 euro. Il falso medico e falso povero è stato ulteriormente denunciato, nonché segnalato per il recupero da parte del Comune delle somme che ha indebitamente percepito.
PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

VIDEO – Nudo in Prato della Valle, preso dalle volanti