Come superare il traffico senza correre alcun rischio, farsi rispettare e incassare al massimo una denuncia? La soluzione l’hanno trovata due rumeni, che in barba a qualsiasi legge domenica sera, alle 19.30, hanno deciso di risolvere il problema della coda chilometrica che si era creata sulla Jesolana minacciando i turisti che stavano tornando dalla spiaggia. Hanno aperto il finestrino, estratto una pistola. Il passeggero l’ha puntata sugli autisti in coda, mentre il suo choffeur pestava l’acceleratore a manetta. Una scena incredibile, protrattasi finché una automobilista impaurita non ha deciso di chiamare la polizia. Sul posto è giunta una pattuglia che ha fermato l’auto che cercava di superare i veicoli in colonna mostrando l’arma. Panico fra gli automobilisti.


Molti non si sono nemmeno resi conto di quello che stava accadendo, altri, alla vista dell’arma si sono fatti da parte. La pistola era finta, certo, ma il 22enne romeno che la mostrava è stato denunciato per minaccia grave, procurato allarme e perché aveva con sè armi o oggetti atti ad offendere. Alla guida dell’auto c’era il fratello 19enne. Benvenuti in Veneto, patria del turismo italiano, dove tutto è in ordine e tutto fila liscio.