campo rom
PER RESTARE INFORMATO ADERISCI AL GRUPPO: VENETO & LOMBARDIA NOTIZIE  o VENETO NOTIZIE



Gli agenti della Polizia locale di Milano hanno sequestrato nel campo rom di via Chiesa Rossa 130 armi bianche fra katane, coltelli e machete per un valore di circa 7.000 euro. Gli agenti, entrati nel campo, hanno seguito un sentiero in un bosco e dietro a dei cespugli, hanno trovato alcuni sacchi neri di plastica. All’interno, un’incredibile arsenale di armi bianche: cinque katane, le tipiche spade giapponesi, lunghe 140 centimetri, 16 spade katana di 1 metro, quatto machete, 44 coltelli a lama retrattile, 2 shuriken, altra arma di origine giapponese a forma di stella o di croce che si lancia come un dardo, 53 coltelli a lama fissa e 10 supporti per appoggiare la spada su un ripiano. La maggior parte delle armi non era affilata e destinata evidentemente a un pubblico di collezionisti e tutte avevano ancora l’etichetta del prezzo, tra i 50 e i 400 euro. Le indagini hanno portato a individuare il proprietario delle armi, titolare di un negozio di Settimo Torinese, che al momento del furto, il 29 maggio, esponeva presso la fiera di Novegro.
IL PROPRIETARIO DELLE ARMI.
Le indagini hanno portato a individuare il proprietario delle armi, titolare di un negozio di Settimo Torinese, che al momento del furto, il 29 maggio, esponeva presso la fiera di Novegro. Il campo rom di via Chiesa Rossa – spiega il Comune – è soggetto a regolari controlli da parte di Polizia locale e Forze dell’Ordine e rientra, come tutti i campi di Milano, nel piano di chiusura da parte dell’Amministrazione.
PER RESTARE INFORMATO ADERISCI AI GRUPPO: VENETO & LOMBARDIA NOTIZIE  o VENETO NOTIZIE