MALTEMPO. VENETO. UNITA’ DI CRISI AGGIORNA SITUAZIONE. NUMEROSE CRITICITA’ IN ATTO



L’Unità di Crisi attivata da ieri mattina dal Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, e coordinata dall’Assessore alla Protezione Civile, Gianpaolo Bottacin, ha diffuso poco fa un aggiornamento della situazione causata dal maltempo che sta colpendo il territorio.
Attualmente è venuta a mancare l’energia elettrica in alcune zone del bellunese e del trevigiano, mentre problemi diversi si segnalano praticamente in tutte le province. Questo è il quadro della situazione:
Provincia di Belluno
Cortina si è verificato il cedimento di un muro di sponda sul Boite all’altezza dell’hotel Barisetti; si continua a operare sul torrente Bigontina in zona Alverà per prevenire il rischio esondazione
In Agordino si riscontrano diffusi smottamenti e colate detritiche che hanno interessato anche la viabilità con diverse strade di cui è stato interdetto l’accesso. Isolate a Cencenighe le frazioni di Chenet, Lorenzon e Boch; a Taibon quella di Forno Val
Val di Zoldo con chiusura della viabilità di accesso per allagamenti
Feltrino con allagamenti diffusi (evacuata la frazione di Villaga) e chiusura della strada regionale
Chiusi due ponti sul Piave (Belluno e Quero-Vas) a scopo precauzionale
Perarolo di Cadore: continua ad essere monitorata la situazione delle briglie a monte della frana verso Valle di Cadore per possibili problemi strutturali alle ali (in particolare quella in sinistra idrografica). Poiché non si possono escludere problemi di cedimento il sindaco ha cautelativamente disposto l’evacuazione dell’abitato delle case interessate al rischio
Santo Stefano di Cadore segnalata un’erosione della sponda del Piave in località Cunettone
San Vito di Cadore, allagamenti per esondazione del Boite in località Serdes
E’ in corso un intervento di sghiaia mento sul torrente Gresal finalizzato al ripristino delle condizioni di deflusso in comune di Sedico
Problematiche registrate anche nei torrenti Giralba ad Auronzo di Cadore, Roa Bianca a Listolade di Taibon Agordino, Liera e Pissolotto in Val di Gares di Canale d’Agordo, Stuer a Gosaldo, Zunaia e affluente al Masarè ad Alleghe, rio Val Storta a La Valle Agordina e rio Croton a Rocca Pietore,
Si segnala inoltre la chiusura di diverse strade: Sr 641 Fedaia, Sr 355 Val Degano, Sr 203 tra Cencenighe e Avoscan, Sr 348 Feltrina, Sr 251 Val di Zoldo, Passo Duran, la Sr 48 di Rio Gere e la Sp 5 di Lamosano; chiuso pure il San Pellegrino dal lato della provincia di Trento.

Provincia di Treviso
La situazione dei fiumi è monitorata per Livenza e Piave.
In territorio friulano si registra una frana ai confini con Gaiarine
Resta attenzionata la possibile futura piena del fiume Livenza per la quale si è costantemente in collegamento con il Dipartimento Nazionale di PC e la Regione Friuli Venezia Giulia

(CONTINUA…)



Provincia di Padova
Particolarmente attenzionati i livelli del Brenta e del Muson dei Sassi

Provincia di Venezia
Oltre alla marea eccezionale, attenzionata per i prossimi giorni la parte terminale del Piave, del Livenza e del Tagliamento;
Vi sono stati interventi per un cedimento arginale del fiume Lemene a Caorle, ma il problema è stato risolto

Provincia di Verona
Si confermano i livelli alti dell’Adige che ha superato la seconda soglia di guardia; è stata attivata la procedura per l’eventuale apertura della galleria Mori Torbole che potrà fungere da scolmatore sul lago di Garda
Si segnalano piante e pali della luce divelti con qualche punto di interruzione di corrente elettrica

Provincia di Vicenza
Rimangono isolati Lastebasse, Pedemonte e Posina con l’evacuazione di alcuni abitazioni
Si segnalano criticità lungo la viabilità provinciale e regionale che interessa la provincia. La SP 47 della Valsugana è stata riaperta al confine regionale con la Provincia autonoma di Trento. Restano problemi a:
1) SP 81 comune di Tesina loc. Gonna interrotta
2) SP 350 da Lavarone in Provincia autonoma di Trento non si percorre verso il VENETO si percorre in senso inverso
3) SP 85 al km 2,5 è chiusa
4) SR 11 è chiusa in entrata a Torri di Quartesolo
5) SP 350 interrotta al km 31
6) SP 31 frana isola abitato (Posina) il sindaco ha evacuato 10 persone già sistemate in albergo
Ulteriori situazioni di criticità sono state evidenziate nel comune di Lugo dove il sindaco segnala criticità sull’Astico in crescita e dove due abitazioni sono state avvertite del pericolo possibile;
E’ iniziata l’attivazione della cassa di laminazione in linea di Trissino propedeutica all’attivazione del bacino di laminazione.
In relazione alla frana del Rotolon, in comune di Recoaro, è stato superato il limite di criticità ma al momento non risultano segnalazioni

Provincia di Rovigo
Non vi sono particolari nuove segnalazioni