I momenti convulsi dell’allerta meteo in Veneto vengono sfruttati dai ‘produttori’ di fake news, costringendo le autorità a smentire informazioni fantasiose. Il Comune di Vicenza ha dovuto così smentire un messaggio che girava sui social – attribuito all’ufficio stampa dell’istituzione – secondo il quale le due giornate di chiusura delle scuole sarebbero state recuperate a Natale. “Niente di più falso”, ha precisato l’assessore alla formazione, Cristina Tolio.
    Su WhatsApp è circolato poi un altro allarmante messaggio, attribuito alla Croce Rossa, che invitava a non bere l’acqua dei rubinetti a Venezia, causa “contaminazione”. “L’acqua che esce dai rubinetti è sicura, controllata e perfettamente potabile” ha dovuto precisare, con una nota del Comune, invitando i cittadini a consumarla “senza alcuna incertezza o diffidenza”. 
(continua—→)