anziana
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Nel pomeriggio di ieri, La Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un giovane mestrino di 21 anni (S.A.) che da tempo perpetrava ogni tipo di vessazione, minaccia e violenza nei confronti di persone a lui vicine.
In particolare, il giovane veniva monitorato da tempo dalle forze dell’ordine ed era stato già colpito da un provvedimento di ammonimento emesso dal Questore per diversi episodi di violenza sia fisica che morale perpetrati ai danni dei prossimi congiunti. Alla base del provvedimento amministrativo, notificatogli nel corso dell’estate, la situazione di profondo disagio dei familiari che subivano quotidianamente vessazioni e minacce e che, in occasione di comportamenti violenti del giovane, richiedevano l’invio delle Volanti della Polizia che erano intervenute in diverse occasioni per la tutela dell’incolumità dei congiunti del giovane.
Gli agenti del Commissariato di Mestre, raccolto e compendiato gli atti dei colleghi delle Volanti e ordinati gli elementi del caso, hanno quindi richiesto il provvedimento e contestualmente interessato l’Autorità giudiziaria per i fatti accaduti.
Tuttavia, l’indole aggressiva e violenta del giovane S.A. si è nuovamente manifestata il 30 agosto scorso quando, al culmine di una lite con la giovane ex fidanzata, il ragazzo si è scagliato contro il padre di lei che si era frapposto per difenderla e, aggredito a calci e pugni, era stato ricoverato all’ospedale dell’Angelo e dimesso con una prognosi superiore ai 40 giorni, a causa delle gravissime lesioni riportate.

PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

Pertanto, l’Autorità giudiziaria lagunare ha emesso il provvedimento restrittivo per le gravi lesioni riportate dall’uomo, vista peraltro i precedenti gravi episodi di vessazioni fisiche e morali, perpetrate con condotta aggressiva e prevaricatrice nei confronti di tutte le persone a lui vicine.
L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata eseguita dagli agenti del Commissariato di Mestre.
L’uomo si trova ristretto in carcere a Venezia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.