Sempre più infuocata la campagna elettorale per le elezioni venete. A tal punto che volano parole grosse e minacce. Vittima Alessandra Moretti, candidata del PD. “Sparati comunista di merda, luridi schifosi, mettili in casa tua gli stranieri, troia, gli extra comunitari falli ospitare dai tuoi genitori, stronza,prima o poi qualcuno ti ammazzerà”. Sono questi alcune delle minacce-insulto rivolte alla Moretti e ai giovani del suo staff. A riportarlo è il Giornale, secondo cui alla base dell’astio verso la sfidante di Zaia, vi sarebbe la recente uscita-scivolone nella quale avrebbe riferito al giornalista David Parenzo che i pensionati potrebbero anche mettere a disposizione case o stanze ai profughi per arrotondare. Secondo la Moretti questa sarebbe una bufala giornalistica sulla quale i giornali di destra avrebbero montato un caso. Vero è che il video dell’intervista concessa a Corriere.tv è disponibile online. La Moretti accusa Libero, la Gabbia, il Giornale, Forza Nuova e persino Maurizio Crozza. Il comico ha citato la gaffe della Moretti nella sua ultima trasmissione. La candidata PD accusa dal proprio profilo Facebook e colpevolizza i giornalisti se ora vi è qualche invasato assetato di morte. Sempre la Moretti invita a riascoltare la chiacchierata con David Parenzo sulla proposta fatta dal prefetto di Venezia.


“La trovate sul sito del CorriereTV e sfido chiunque a indicarmi il minuto esatto in cui io avrei formulato inviti e consigli di questo tipo. Siamo oltre gli attacchi da campagna elettorale, è stato superato ogni limite”. E ancora: “Oggi il bersaglio facile è la Moretti, domani potrebbe essere una ragazza del mio comitato, la mia famiglia, un candidato che fa politica sul territorio o semplicemente chi esprime un’opinione in un bar o per strada. Gli sciacalli che fomentano l’odio per vendere qualche copia del proprio giornale o per raccattare qualche voto dovranno trovare altri argomenti. Io non mi fermo, vado avanti più determinata di prima”.