PADOVA – BITONCI CHIUDE 20 ATTIVITA’ AL CHINA INGROSS

PADOVA – BITONCI CHIUDE 20 ATTIVITA’ AL CHINA INGROSS

L’aveva annunciato alcuni giorni fa ed ora l’ha fatto. Il sindaco leghista di Padova, Massimo Bitonci, dopo aver avviato una serie di verifiche sul China Ingross il centro commerciale cinese di Padova di corso Stati Uniti ha deciso di procedere con la forbice, anzi con il motosega. L’accusa mossa nei confronti delle attività svolte nel centro era che venissero effettuate non solo vendite all’ingrosso, come le autorizzazioni prevedono, ma anche al dettaglio. L’esito di questa indagine ha portato alla chiusura di una ventina di esercizi all’interno del complesso.
Subito arriva il plauso dell’Ascom padovana. Le ordinanze di chiusura emanate dall’amministrazione comunale sono state apprezzate da Patrizio Bertin, presidente dell’Ascom: “Al sindaco Bitonci, che nei giorni scorsi aveva anticipato la sua intenzione di intervenire nei ‘santuari’ della contraffazione, dell’illegalità, dell’evasione fiscale, della commercializzazione di prodotti pericolosi e chi più ne ha più ne metta – spiega – avevamo non solo dato tutto il nostro appoggio ma anche chiesto di non lasciare tempo al tempo. Siamo oltremodo contenti di dare atto, al sindaco e all’assessore Eleonora Mosco, di avere trasformato, celermente, in atti concreti, le dichiarazioni di soli dieci giorni fa”.



Venetian