rom pranzo
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



E’ già accaduto altre volte a Nord Est. Famiglie di nomadi che festeggiano prenotando pranzi e cene pantagrueliche in ristoranti per poi sparire senza pagare. E’ accaduto ancora, nel Pordenonese, ai confini con il Veneto. Una famiglia rom ha festeggiato nel giardino di un ristorante il compleanno di un bimbo di sei anni. Il conto? 7 mila euro per una festa senza limiti con ordinazioni di tutti i tipi. Addirittura un Dom Pérignon e 1620 bottiglie di birra. Quando è arrivata l’ora di pagare sono andati via. Vittima dello spiacevole episodio il ristorante Posta lo scorso 22 maggio ma si sa solamente adesso, Le forze dell’ordine stanno indagando sull’episodio. I responsabili sono rom di una famiglia di origine montenegrina residenti a Prodolone.
Il titolare ha raccontato al Gazzettino che erano 150 e hanno fatto festa sin dalle 3 del pomeriggio. Il conto lo dovevano pagare grazie alle offerte che i parenti avrebbero dovuto donare al momento del taglio della torta (secondo una tradizione nomade). Ma dopo aver cenato al ristorante (menù di pesce per oltre 150 persone che ha contribuito a far lievitare il conto), ecco il primo “contrattempo”.
Hanno raccontato che il cesto delle offerte era stato rubato e che il giorno successivo sarebbero tornati. Facile pensare come sia andata. Effettivamente lo hanno fatto: sono tornati al ristorante e mi hanno detto che stavano cercando chi aveva rubato il denaro. Da quel momento sono spariti.
PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE