Prova



A quei nove ragazzi non sembrava vero. Niente birre in bottiglia ma una sana birra artigianale fatta in casa. Doppia soddisfazione. Peccato che si siano beccati un’intossicazione alimentare e siano finiti tutti in ospedale, con vomito, diarrea e dolori allo stomaco. E’ successo a Vicenza, a casa di uno dei ragazzi si sono ritrovati domenica sera per guardare la partita in TV e gustare la birra che avevano prodotto. Nei giorni scorsi avevano acquistato con una colletta il kit per produrre la birra ed hanno seguito su un sito internet le indicazioni per arrivare al risultato sperato. I nove ragazzi, che giocano a calcio insieme, con età compresa fra i 17 e i 21 anni, di Vicenza, Costabissara e Torri di Quartesolo, hanno quindi cominciato a bere e l’impressione iniziale era di una discreta birra con bassa gradazione alcolica.
Ne hanno bevuto qualche litro prima di lasciarsi. Si sono poi ritrovati tutti al pronto soccorso dell’ospedale San Bortolo di Vicenza, fra mezzanotte e le 4, con gli stessi sintomi. Diagnosi: intossicazione alimentare. Hanno probabilmente sbagliato le dosi, forse non hanno sterilizzato adeguatamente il kit. E’ probabile che la birra rimasta venga analizzata

PER ESSERE AGGIORNATO ADERISCI AL GRUPPO FACEBOOK “NOTIZIE VENETE CURIOSE” OPPURE VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DI VENETIANPOST