Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Ha simulato un tentativo di suicidio sparandosi al petto con una pistola a salve e ha mandato il videomessaggio con WhatsApp alla sorella della fidanzata, che risiede a Rovigo: con l’accusa di procurato allarme è stato denunciato un 33enne di Manduria (Taranto). Sono stati i carabinieri a rintracciarlo nella sua abitazione dopo aver ricevuto la segnalazione. La sorella della fidanzata del 33enne, scossa dal filmato ricevuto, ha subito dato l’allarme telefonando al 112 e raccontando l’accaduto ai carabinieri. La Centrale Operativa di Padova ha informato subito i colleghi di Manduria,che hanno subito raggiunto l’abitazione dell’uomo. Il 33enne, trovato in ottimo stato di salute, interpellato in merito al filmato shock, ha ammesso le proprie responsabilità nonché la paternità del videomessaggio trasmesso, consegnando spontaneamente l’arma utilizzata per la simulazione, una pistola a salve,con relativo munizionamento, che è stata repertata e sottoposta a sequestro. Non è ancora chiaro il motivo del suo gesto.
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST