A fomentare le polemiche sull’arrivo dei profughi in Veneto arrivano segnalazioni di episodi di cronaca nera destinati a far ripensare il sistema dell’accoglienza. Probabilmente spinto da carità umana, un anziano di Crespano del Grappa non avrebbe mai pensato che l’ospitalità offerta a un profugo si tramutasse in un incubo. L’uomo aveva aperto la propria casa ed offerto una stanza. Risultato? Non il migliore. Il marocchino di 24 anni che aveva ospitato, in pochi giorni, gli ha prosciugato il modesto conto in banca. La vittima è un pensionato di Crespano. Dopo aver subito il furto ha presentato denuncia e ne è seguito il processo. Il marocchino è stato condannato a 1 anni e 4 mesi di reclusione. Il conto dell’anziano era stato alleggerito di oltre mille euro.
CONTINUA LA POLEMICA SUI PROFUGHI NELLE LOCALITA’ TURISTICHE
Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha inviato oggi una lettera a tutti i Prefetti del Veneto, facendosi portavoce degli allarmi, dei timori e degli appelli a lui rivolti da Sindaci, cittadini e imprenditori del turismo Veneto, che vedono minacciato il buon esito della stagione estiva dall’invio di profughi, già avvenuto in varie località. “Facendo mio lo sgomento di quanti mi hanno in ogni modo e in ogni dove manifestato la propria preoccupazione che una simile ridda di voci e di azioni possa determinare un effetto devastante sulla stagione turistica in corso, e soprattutto un boomerang sulle prenotazioni a causa delle pubblicità negativa che i media internazionali sono pronti a rilanciare su vasta scala avvantaggiando i Paesi confinanti – scrive il Governatore – sono a chiedere con la presente di provvedere allo sgombero con la massima urgenza di tutte le strutture ricettive e degli alloggi già occupati da immigrati nelle località turistiche e a desistere dal procedere a nuove allocazioni”.


“Gli annunci delle ultime ore – aggiunge tra l’altro il Presidente – che individuano strutture ricettive e turistiche, oltre ad immobili di privati cittadini, nelle zone del litorale veneto e del bacino termale euganeo quali sedi in cui allocare gli ultimi arrivi di immigrati, seguiti da episodi di vero e proprio ‘scarico’, avvenuti recentemente nel trevigiano e nella zona dei Colli nel padovano, stanno facendo montare la protesta delle comunità locali, dei Sindaci dei Comuni minacciati e degli operatori turistici, i quali, attraverso le loro Organizzazioni di categoria, mi hanno rivolto un accorato appello in difesa dei territori e della stagione turistica. Una stagione che, iniziata sotto una congiuntura favorevole, rischia, a causa degli allarmismi derivanti da una simile situazione di emergenza, di venire irrimediabilmente compromessa”.

Il Governatore del Veneto, nella sua lettera ai Prefetti, ricorda che il Veneto è la prima Regione turistica d’Italia e la sesta d’Europa, con 63 milioni di presenze (pari al 15% del volume nazionale), con 17 miliardi di fatturato annuo compreso l’indotto, con 420 mila occupati nel settore, e con un contributo dell’8% all’intero Prodotto Interno Lordo Regionale.

“Un simile primato – scrive in proposito il Presidente – non vale soltanto come medaglia da esibire. Ma significa sviluppo economico e occupazione che non possono essere compromessi da una serie di azioni scomposte che stanno colpendo e interessando le principali località turistiche del Veneto”.