portafogli
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



VENEZIA – Una donna di 42 anni di Favaro Veneto ha ritrovato qualche giorno fa un portafogli contente 600 euro a bordo di un autobus. La donna si è presentata al corpo di guardia della Questura di Venezia, affermando di aver rinvenuto un portafoglio di colore scuro su un mezzo diretto verso Piazzale Roma a Venezia.
All’interno del portafoglio, oltre ai documenti e alla carta di credito vi erano, appunto, anche 600 euro in contanti. Quindi gli agenti hanno preso in consegna il portafoglio in questione, riuscendo a risalire al proprietario poco dopo. Si tratta di un ragazzo di 18 anni, studente al quale è stato riconsegnato ciò che aveva perso. Il giovane ha subito telefonato alla 42enne per ringraziarla.

MESTRE – Ieri sera due volanti della polizia di Stato si sono portate in via Monte San Michele perché era stata segnalata una lite in strada tra cittadini stranieri.
Sul posto, gli agenti trovavano le persone descritte, un cittadino nigeriano e un cittadino del Bangladesh.
Gli agenti, dopo aver ascoltato entrambi, hanno potuto appurare che i due erano venuti a lite poiché uno dei due, mentre transitava in bicicletta era stato infastidito dal cittadino nigeriano e da un amico di quest’ultimo, non più presente sul posto.
PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

Il cittadino di origine bengalese, esasperato dal ripetersi di questa situazione, aveva iniziato a litigare pesantemente, all’inizio in maniera verbale per poi passare alle vie di fatto.
Ma poco dopo impaurito, ha tirato fuori dallo zaino una chiave inglese di grosse dimensioni che usava normalmente per riparare la bicicletta, cercando di difendersi.
Poco dopo i due, alla vista di personale dell’esercito in servizio di strade sicure, desistevano dai loro intenti, tranquillizzandosi.
I due sono stati accompagnati in Questura, dove dagli accertamenti, il cittadino Bangladesh, identificato per K.A. nato nel’81 risultava avere numerosi precedenti a suo carico, e veniva inoltre indagato per porto di armi od oggetti atti ad offendere.