TURISMO NEL VENETO: 2016 ANNO DI RECORD, GRAZIE AGLI STRANIERI E AL RITORNO DEGLI ITALIANI. CANER: “COMPETITIVITÀ SIGNIFICA MAI PERDERE DI VISTA LE TRASFORMAZIONI DI QUESTO SETTORE”

Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



“Di fronte a questi dati straordinari mi sento di gioire con compostezza e responsabilità, ben sapendo che quando si parla di turismo si parla di una delle attività umane tra le più sensibili e mutevoli. Sicuramente dobbiamo continuare su questa strada, fatta di studio, di innovazione e di lavoro. Ma anche di valorizzazione e di proposta di mete meno conosciute e di forme di ospitalità e di offerta nuove, capaci, ad esempio di collegare il turismo all’agricoltura, uno sposalizio che io considero vincente per i prossimi anni”.

Sono parole di Federico Caner, che non eccede nei trionfalismi ma da assessore regionale al turismo non può che esprimere soddisfazione commentando i dati relativi al movimento turistico nel Veneto nel 2016.
“Un anno di record” è il titolo delle slide con le quali stamane, nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Venezia, Caner ha illustrato i numeri che sanciscono non solo il primato turistico del Veneto, sempre più saldamente al primo posto tra le regioni italiane (totalizzando il 15,2% degli arrivi ed il 16,1% di presenze di turisti dell’intera penisola), ma anche la sua collocazione tra le più importanti a livello europeo.

“Mai tanti ospiti sono giunti in Veneto come nel 2016 – ha rilevato l’assessore –: quasi 18 milioni di arrivi (17.856.567, +3.5% rispetto al 2015) per un totale di oltre 65 milioni di presenze (65.329328, +3,4% rispetto al 2015). Entrambe le cifre costituiscono un record storico assoluto. Il primato degli arrivi è dato da un incremento sia dei turisti stranieri che di quelli italiani; quello delle presenze, invece, è relativo ai soli stranieri. Per il secondo anno consecutivo, però, i numeri evidenziano un nuovo crescente interesse da parte della clientela italiana, che segna +4,7% di arrivi e +1,8% di presenze”.

“E’ un successo costruito negli anni – ha sottolineato Caner – nel corso dei quali il Veneto ha continuato ad attrarre un numero crescente di turisti, con aumenti di arrivi dall’anno 2000 a oggi del 61% di stranieri e del 45,6% di italiani. Emergono risultati positivi sia su base territoriale che per comprensori turistici: nel 2016 in tutte le province venete vi è stato un aumento sia di arrivi che di presenze rispetto all’anno precedente e particolarmente rilevanti sono stati gli aumenti di presenze a Verona (+9,1%), Treviso (+5,2%) e Padova (+4,4%). Le migliori performance tra i comprensori sono quelle del lago (+6.2% di arrivi e +7.2% di presenze), che ha superato il propri record grazie soprattutto ai tedeschi che rimangono i clienti più affezionati (40%), ma anche all’incremento di italiani e olandesi e delle città d’arte (+3,9 di arrivi e +6.1% di presenze). Bene anche le terme (+5.6 di arrivi e +4.4 di presenze) e la montagna (+7.5% di arrivi e +2.7 di presenze). Meno bene il comprensorio balneare (-0,7% arrivi e -0,6% presenze), che rimane pur sempre il primo per quanto concerne le presenze complessive (circa 24,5 milioni) e che conferma il gradimento straniero (i turisti d’oltralpe sono in crescita, in particolare i tedeschi +3.7), mentre continua a soffrire il mercato interno, con una diminuzione della clientela italiana che paga maggiormente gli effetti della crisi economica e il conseguente accorciamento dei periodi di vacanza delle famiglie”.

PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

Il turismo internazionale manifesta consensi sempre maggiori per il Veneto: crescono le presenze di tedeschi (+4,9%), austriaci (+3,5%), olandesi (+6,2%), inglesi (+11,3%), svizzeri (+3,2%), francesi (+3,3%), americani (+0,2%) e danesi (+11%). I turisti cinesi, dopo il picco del 2015 legato all’effetto Expo, tornano alle cifre del 2014 (oltre 600 mila arrivi e 800 mila presenze).
Ma il Veneto, oltre a essere meta di oltre 6,3 milioni di turisti italiani e di 11,5 milioni di turisti stranieri che pernottano in qualche struttura ricettiva del territorio, è anche destinazione di un consistente numero di escursioni giornaliere di italiani, contate nel 2015 in oltre 13 milioni e 800 mila; si tratta di escursionisti che provengono prevalentemente dalle regioni confinanti o dal Veneto stesso, che si muovono in giornata principalmente in auto e in secondo luogo in treno.

“Anche dai numeri di quest’anno – ha evidenziato infine Caner, rimarcando l’importanza fondamentale di una puntuale e corretta comunicazione dei dati da parte delle aziende turistiche – emerge una costante e crescente richiesta di qualità del prodotto turistico, sia delle destinazioni, sia delle strutture ricettive. Ed è proprio per rispondere a questa domanda che abbiamo attivato e stiamo attivando importanti linee di finanziamento, con risorse regionali e con fondi comunitari, per dare concreto sostegno economico ai progetti di riqualificazione e di innovazione dell’offerta”.