Scene da Far West in Friuli. Succede ai confini fra Italia e Austria. I carabinieri hanno fermato un gruppo di rom per un controllo a Pontebba inprovincia di Udine. La reazione è violente. Il gruppo reagisce prendendo a calci e pugni i militari e riuscendo a fuggire a bordo della loro (forse) Mercedes con targa tedesca.
Non finisce qui. Per riuscire a scappare decidono di imboccare l’autostrada A23 in contromano all’altezza di Ugovizzadopo aver guidato come dei folli lungo la statale Pontebbana, rischiando di causare gravi incidenti. Alla finefanno perdere le loro tracce in Austria, nonostante le massicce ricerche operate dai carabinieri della Compagnia di Tarvisio e della polizia austriaca, con l’impiego dell’elicottero.

È successo venerdì mattina alle 11, e a finire in ospedale sono stati due militari dell’Arma, per distorsioni e lesioni agli arti superiori giudicate guaribili in 30 giorni. La banda, invece, composta da due uomini e da due donne, romeni di etnia rom, tutti pluripregiudicati per reati contro il patrimonio, erano stati colpiti da un’ordinanza di custodia cautelare dal Gip del Tribunale di Gorizia; sarebbero i responsabili di una serie di rapine perpetrate nelle ultime settimane tra San Daniele e Cividale del Friuli.