Clamorosa svolta nelle indagini sugli incendi all’hotel “Il Bersagliere” di Recoaro Terme, in via Campogrosso. Nella struttura alberghiera vicentina che doveva essere destinata ad accogliere profughi arrivati a Vicenza erano stati appiccati due incendi a distanza di pochi giorni il 24 e il 29 settembre 2015. La compagnia dei carabinieri di Valdagno ha arrestato il rumeno Ionut Chira Mihai, 28enne, pregiudicato e in Italia senza fissa dimora. L’hotel era chiuso da tempo e avrebbe ospitato una cinquantina di migranti sistemati all’ex colonia alpina di Valli del Pasubio. Le fiamme avevano anche rinviato questa possibilità perché sulla struttura dovevano essere fatti ulteriori interventi dopo gli incendi. Mihai avrebbe lasciando degli stracci imbevuti di benzina. Il messaggio era evidente, i profughi non dovevano arrivare. Svaniscono quindi anche le ipotesi di un dolo di matrice politica.

PER ESSERE AGGIORNATO ADERISCI AL GRUPPO FACEBOOK “NOTIZIE VENETE CURIOSE” OPPURE VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DI VENETIANPOST E RESTA AGGIORNATO