gofth
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Approvate le unioni civili anche in Italia. Arriva l’ok definitivo della Camera dei Deputati al disegno di legge sulle unioni civili. Hanno votato sì 372 deputati, no 51 e 99 si sono astenuti. Ai voti della maggioranza si sono aggiunti quelli di Sinistra italiana (che non ha votato la fiducia) e di 10 esponenti di Forza Italia. Hanno votato no altri 21 deputati di Fi, Lega e Fratelli d’Italia. Il M5s si è astenuto. In precedenza il disegno di legge aveva incassato la fiducia posta dal governo, con 369 sì e 193 no.
Ci sono voluti 22 anni perché l’Italia recepisse la prima risoluzione sul tema del Parlamento europeo.
La legge, varata dalla Camera senza modifiche rispetto al testo approvato dal Senato, arriva a 22 anni dalla prima risoluzione del Parlamento europeo che invitava la Commissione a rimuovere gli ostacoli al matrimonio omosessuale o a un istituto simile. E corona vent’anni di tentativi falliti, con il corollario di acronimi rimasti famosi, dai Pacs ai Dico. «Avete contribuito a scrivere una pagina di storia. Grazie. Adesso avanti» ha scritto il presidente del consiglio, Matteo Renzi, in un sms inviato ai parlamentari Pd dopo la approvazione della legge. Sull’eventualità di perdere voti cattolici dopo l’ok alla fiducia sulle unioni civili il premier ha invece detto: «nessuno ha fatto calcoli, se uno deve perdere i voti per una battaglia giusta li perde». PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE