zanzara-4


Mancava anche questo. Fra le malattie che ritornano e i virus misteriosi che compaiono nel nostro territorio ora vi è Zika. Una cittadina italo-venezuelana è stata curata circa un mese fa in Veneto perché affetta da questo virus. Ricoverata a Treviso, la donna – fa sapere l’assessore alla sanità, Luca Coletto – è guarita dopo pochi giorni ed è stata dimessa. “La sanità veneta – prosegue l’assessore – monitora da tempo la presenza del virus Zika, sia nelle zanzare che ne sono il vettore, sia negli umani. La situazione è quindi completamente sotto controllo e non c’è alcun motivo di allarme”.
“La sanità veneta monitora da tempo la presenza del virus Zika, sia nelle zanzare che ne sono il vettore, sia negli umani. La situazione è quindi completamente sotto controllo e non c’è alcun motivo di allarme”.
Lo fa sapere lo stesso Coletto, in relazione alle notizie su casi di persone infettate in alcune parti del mondo e al tam tam che ne è seguito.

 

“Zika – specifica Coletto – è da tempo monitorato in tutte le persone che presentino stati febbrili compatibili con il virus, principalmente provenienti dall’estero, assieme agli altri virus tipici delle zone tropicali e subtropicali, come ad esempio la malaria, quello più preoccupante, e la febbre dengue”.
IL VIRUS ZIKA
Il virus Zika (ZIKV) è un RNA virus della famiglia Flaviviridae, genere Flavivirus, gruppo Spondweni. E’ stato isolato per la prima volta nel 1947 da un primate in Uganda, nella Foresta Zika (da qui il nome), una riserva naturale vicino Entebbe. Negli ultimi anni la malattia si è poi diffusa in tutti i continenti, Europa inclusa. Provoca la cosiddetta ‘febbre zika’. Il virus è strettamente correlato a quelli che provocano la dengue, la febbre gialla, l’encefalite del Nilo occidentale e l’encefalite giapponese, tutti trasmessi principalmente da punture di insetto e pertanto definiti arbovirus. Esso è trasmesso da numerose zanzare del genere Aedes, negli ambienti equatoriali soprattutto la Aedes aegypti e in quelli temperati la Aedes albopictus (zanzara tigre).

PER ESSERE AGGIORNATO ADERISCI AL GRUPPO FACEBOOK “NOTIZIE VENETE CURIOSE” OPPURE VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DI VENETIANPOST E RESTA AGGIORNATO