Attenzione. Dopo la truffa dell’abbraccio, del gas, della luce, dello specchietto, dei falsi parenti, della sassata ora arriva anche quella dell’arrotino. Il panorama delle truffe assomiglia all’iconografia dei tarocchi. Ultimi singolari episodi nell’Alto vicentino nella morsa dei truffatori. Vi sarebbero infatti moltissime segnalazioni su una coppia di falsi arrotini che, spacciandosi per spagnoli provenienti da Toledo, la città delle spade e dei coltelli per eccellenza, trufferebbero anziani e persone sole con il pretesto di affilare i coltelli di casa.
Ultimo episodio a Caltrano dove è stata presa di mira una coppia di anziani, ma altri episodi sono stati segnalati anche in altre parti del Veneto. L´episodio -come racconta il Guornale di Vicenza- risale a mercoledì. Uno dei due uomini, il più anziano, si presenta a casa dei due anziani. Viene descritto come un uomo di bassa statura, non giovane, che parla spagnolo, che sostiene di essere un arrotino e di venire da Toledo. Un uomo simpatico che intenerisce la coppia di anziani perché non sembra passarsela bene.

La vittima decide così di consegnare qualche vecchio coltello, dicendogli di affilarli pure in cambio di pochi spiccioli. Il finto arrotino ritira i coltelli e torna poi nel pomeriggio, questa volta accompagnato ad un ragazzo alto e giovane. I due pretendono di salire in casa e, una volta entrati chiedono centinaia di euro per l’affilatura. A quel punto gli anziani, capendo che qualcosa non va e intimoriti dalla presenza di due uomini armati in casa decidono di dare loro una sessantina di euro. I due poi scappano con le banconote.