FIRMA ZAIA CIAMBETTI 2
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



I Presidenti della Giunta e del Consiglio regionale del Veneto, Luca Zaia e Roberto Ciambetti, hanno sottoscritto oggi un’intesa tra le due Istituzioni per affrontare congiuntamente i vari passaggi tecnici e tecnologici che dovranno fare da supporto all’effettuazione del referendum sull’autonomia del Veneto.
Si va dall’implementazione e gestione di un sito web per la presentazione e diffusone delle informazioni, alla progettazione e realizzazione dell’applicazione software per la raccolta e gestione dei dati riguardanti le operazioni ai seggi e lo scrutinio, all’acquisizione dei servizi informatici necessari, alle modalità con cui assicurare ai Comuni e agli altri soggetti istituzionali coinvolti il presidio e l’assistenza, all’attivazione di una sala stampa nel giorno del voto.
“I veneti – ha detto Zaia – hanno di fronte a loro un’occasione storica, perché dopo il referendum il Veneto non sarà comunque come prima, perché saranno state costruite le fondamenta per edificare la casa dell’autonomia. Mi attendo e chiedo una partecipazione di massa – ha aggiunto – è arrivato il momento della tanto agognata e richiesta autonomia. Non sarà il referendum di Zaia o di questo o quel partito – ha tenuto a precisare il governatore – ma di tutti i cittadini, tanto che mi auguro che nasca anche un comitato per il ‘no’ per accendere ancora di più i riflettori e spingere tutti gli elettori a interessarsi e a partecipare”.
PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

“Giovedì – ha annunciato Zaia – incontrerò il Ministro Minniti, al quale chiederò l’election day, magari in occasione del referendum sui temi del lavoro, per poter risparmiare quei 14 milioni di costi che il Governo Renzi, non rispondendo mai al nostro quesito, ci costrinse a stanziare in bilancio. Mi auguro – ha aggiunto il Governatore – che il Ministro, che sembra aver inaugurato un nuovo corso rispetto al passato, valuti con equilibrio la richiesta e si faccia parte attiva per mettere in moto la collaborazione anche del Ministero e delle Prefetture, che ancora tacciono. Se così non sarà faremo da soli, e l’intesa firmata oggi ne è la prova”.