14705646_318066588575826_8097971479343679001_n
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Scrivere liberamente insulti su Facebook è reato e lo sanno bene i 51 vicentini che si sono scatenati sul social network contro una coppia dell’Alto Vicentino, esprimento giudizi e commenti liberamente, senza preoccuparsi di diffamare le vittime. Di questi leoni da tastiera, ben 34 sono donne, gelose e inviperite contro una barista. Tutti denunciati per diffamazione dalla Procura della Repubblica di Vicenza. Una coppia di fidanzati di 26 e 29 anni negli ultimi tre mesi è stata presa di mira da volgari offese e sberleffi. Lei, cameriera 26enne in un bar dell’Alto Vicentino che per la sua avvenenza e simpatia richiama clienti maschi, è stata presa di mira con feroci post, l’epiteto più leggero “prostituta”, in particolare dalle amiche/fidanzate dei clienti. Lui, 29enne, è stato attaccato con una sequela di “cornuto”. La coppia ha vissuto da settembre settimane da incubo per offensivi post a sfondo sessuale, anche con nome e cognome. Esasperato lui ha chiesto agli “amici Facebook” di smetterla e di cancellare i post. Così hanno fatto, ma troppo tardi perché i vari post erano stati condivisi da altre persone e quindi diffusi nella rete. Così la coppia ha presentato querela, riservandosi di chiedere i danni. Sono coinvolte sono 51 persone. 
PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE