Carabinieri-di-notte-1
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



I RUMENI IN BMW – Torna a movimentare le strade del Veneto una pericolosa BMW. Già nei mesi scorsi era stata lanciata la caccia a BMW o Audi (la famigerata Audi gialla) condotte da pericolosi e sfacciatissimi rapinatori dell’Est. Episodio inquietante (raccontato dal Gazzettino) nel Bellunese l’altra sera. E’ accaduto a San Nicolò Comelico dove un automobilista è stato fermato da alcuni individui a bordo di una BMW con targa rumena.
Dallo specchietto retrovisore l’uomo ha notato che un’auto sfanalava invitandolo a fermarsi. Pensando che si trattasse di un’emergenza si è fermato ma si è trovato davanti tre individui che l’hanno minacciato con un coltello e si sono fatti consegnare i soldi. Sono poi fuggiti. L’episodio è stato raccontato sui sociale ed è accaduto lungo la statale che sale da Santo Stefano verso Candide, in località Campitello di San Nicolò. La vittima è un uomo residente a Danta. Dopo aver consegnato i pochi soldi che aveva ha sporto denuncia ed è scattata la caccia all’uomo da parte delle forze dell’ordine. strong>PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

LADRI SFACCIATI A SCHIO – Brutta avventura per una donna di Schio, vedova, che aveva deciso di passare qualche giorno al mare. Non ha fatto i conti con i ladri che stanno imperversando allegramente in tutto il Veneto. La pensionata risiede nel quartiere di Magrè ed è rientrata dal periodo di villeggiatura dopo aver passato dieci giorni al mare. Fin qui sembra una normale notizia di furto se non fosse che i malviventi, avendo agito con assoluta calma e libertà, hanno fatto della casa della vedova la loro casa.
Hanno svuotato il frigo, cucinato, mangiato a tavola e poi sono andati a riposare sul letto della donna per digerire. Non prima di aver rovistato con dovizia tutte le stanze ed aver portato via gioielli, monili d’oro e i fucili da caccia che erano di proprietà del marito. Danno da quantificare, ma sicuramente sull’ordine di migliaia di euro