cell
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Non è la prima volta che a Vicenza proprietari di cani litigano tanto da richiedere l’intervento delle forze dell’ordine. L’ultimo episodio è però tragico, perché a rimetterci letteralmente la pelle è un maltese di 2 anni, morto sbranato da un pastore tedesco.
Il cagnolino appena ha visto entrare nell’area verde di via Adenauer a Vicenza un pastore tedesco, gli è corso incontro. Il cane di taglia più grande l’ha però azzannato all’altezza del collo ed ucciso. Tutto davanti alla proprietaria, una ragazza rumena di 21 anni che aveva acquistato il cagnolino per ben 1.500 euro in un canile di Arezzo. L’aveva chiamato John, in onore di Belushi. E’ successo ieri sera intorno alle 19.

Il clima ovviamente si è subito surriscaldato fra le due proprietarie, tanto che un residente, vedendo quanto accadeva, ha allertato la polizia che ha inviato una pattuglia della squadra volanti della Questura. I poliziotti, che hanno riportato la calma, evitando che le rispettive padrone dei cani potessero venire alle mani, ha identificato anche l’altra signora, una cubana di 39 anni, che nel frattempo aveva chiesto al marito, proprietario del pastore tedesco, di raggiungerla sul posto.

PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

Secondo il racconto fatto ai poliziotti sia la donna cubana che l’amico della ragazza romena, che era con lei, hanno cercato di intervenire per dividere i due cani, ma era già troppo tardi. Sul posto è poi giunto anche il “cino-vigile”che ha per l’appunto accertato come nessuno dei due animali fosse al guinzaglio. Il corpo del maltese è stato portato al canile comunale, dove verrà conservato in una delle celle frigorifere, mentre il pastore tedesco dovrà restare “in quarantena” (10 giorni) nell’abitazione del proprietario, in attesa di essere visitato dal veterinario. Al momento non sono scattate denunce, nè sono state presentate in Questura da nessuna delle due donne.