spacciatore

Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



La lotta al traffico di sostanze stupefacenti condotta dalla Guardia di Finanza di Treviso si corrobora di un ulteriore, significativo risultato. A coronamento di un’articolata indagine di polizia giudiziaria nel settore, i Finanzieri della Compagnia di Treviso hanno sottoposto a tassazione nei confronti di uno degli indagati i proventi illeciti scaturenti
dall’attività di spaccio scoperta.
Il servizio, che è stato sviluppato con l’ausilio di intercettazioni telefoniche e numerosi riscontri sul territorio, aveva permesso di disarticolare un ramificato e consolidato commercio illegale di sostanze stupefacenti, particolarmente diffuso tra minorenni, segnalando dieci persone all’Autorità Giudiziaria, di cui cinque tratte in arresto. In particolare, era stato accertato che un ventenne trevigiano, in poco meno di un anno, era riuscito a ricavare dalla sua attività illecita circa quindicimila euro “esentasse”. Sulla scorta degli elementi acquisiti nel corso delle investigazioni, tra cui il brogliaccio ove era annotata la contabilità dell’attività delittuosa, la Guardia di Finanza di Treviso ha avviato una verifica fiscale volta alla ricostruzione ed alla tassazione dei proventi illeciti frutto del traffico di droga.
Il responsabile del reato, già tratto in arresto, dovrà rispondere anche fiscalmente della propria illecita attività, alla stregua di un qualsiasi contribuente che abbia percepito ricavi “in nero”, versando al Fisco, con le sanzioni del caso, i proventi derivanti dello spaccio.
PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

Oltre ai rilievi di carattere penale e tributario, l’operazione ha consentito di segnalare ai
competenti Uffici di Prefettura e della Motorizzazione Civile oltre cento giovani, di cui
circa sessanta minorenni, identificati quali consumatori abituali di droghe e di
sequestrare circa mezzo chilo di sostanze stupefacenti tra marijuana, hashish e
pastiglie di ecstasy.
Si conferma l’impegno del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Treviso
nella lotta al traffico di stupefacenti che, anche in attuazione delle direttive impartite dal
Prefetto di Treviso, mira a contrastare la piaga sociale dell’uso crescente e
inconsapevole di droghe, soprattutto tra i più giovani.