IMG-20160212-WA005



Nella notte tra l’11 e il 12 febbraio ignoti hanno imbrattato il cartello di via Martiri delle Foibe a Montecchio Maggiore, cancellando con vernice nera le parole “via Martiri delle”. Questo all’indomani del Giorno del Ricordo (10 febbraio) e alla vigilia della commemorazione pubblica che domani si svolgerà proprio presso il monumento di via Martiri delle Foibe, dove l’Amministrazione comunale, l’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e gli esuli del confine orientale depositeranno una corona per conservare e rinnovare la memoria, come recita la Legge 92/2004, della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra.
Questa mattina la Polizia Locale dei Castelli ha documentato l’accaduto ed ora provvederà ad inviare in Procura una segnalazione a carico di ignoti per il reato di danneggiamento.

 

Sulla vicenda interviene Coriolano Fagarazzi, Presidente del Comitato di Vicenza dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, che domani sarà presente alla cerimonia di Montecchio Maggiore: “Gli imbrattatori con questo gesto disonorano se stessi, perchè dimostrano l’ignoranza della Storia. Nelle foibe carsiche furono gettati ancor vivi partigiani, fascisti, antifascisti, carabinieri, finanzieri, religiosi, donne, bambini, semplici persone, colpevoli solo di essere italiani. Testimoniare il martirio degli infoibati infastidisce chi non vuole riconoscere i mali e le tragedie del secolo scorso”.

PER ESSERE AGGIORNATO ADERISCI AL GRUPPO FACEBOOK “NOTIZIE VENETE CURIOSE” OPPURE VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DI VENETIANPOST E RESTA AGGIORNATO