Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Una vendetta che gli costerà davvero caro. Ad architettarla un imprenditore artigiano della provincia di Belluno, A.P., 56enne. Dopo una separazione tormentata dalla moglie, ha deciso di scrivere il suo numero di cellulare nei bagni dell’Autogrill Villa Morosini, nelle vicinanze del casello di Vicenza Ovest. Non solo il numero ma anche un messaggio inequivocabile arricchito di offese sessuali ed inviti ad incontri. L’uomo è però finito nei guai ed ha dovuto subire un processo. I fatti risalgono alla primavera del 2013 quando la donna cominciò a ricevere numerose telefonate da parte di uomini infoiati che cercavano sesso. Richieste molto spinte alle quali rispondeva senza capire perché la chiamassero. Qualcuno aveva scritto un messaggio nel lato interno della porta di una toilette. Non solo, nei bagni femminili la donna si sarebbe offerta anche per un rapporto lesbo. Fra le offerte anche quelle di rapporti orali. L’insistenza delle telefonate spinse la donna a rivolgersi alle forze dell’ordine. Le indagini hanno portato al 56enne che è stato condannato, la pena però è stata sospesa.

PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE