temporali

Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Vista la situazione meteorologica attesa sul territorio regionale, preso atto dell’avviso di criticità idrogeologica e idraulica emesso oggi alle ore 14:00, il Centro Funzionale Decentrato della Regione del Veneto, ha dichiarato lo stato di attenzione (da riconfigurare, a livello locale, in fase di preallarme/allarme, a seconda dell’intensità dei fenomeni) per possibili situazioni di criticità idrogeologica dovuta a forti temporali nelle zone montane e pedemontane del Veneto, dalle ore 14:00 di oggi alle ore 14:00 di mercoledì 13 luglio 2016. In particolare i comuni caratterizzati dalla presenza di fenomeni franosi dovranno attivare idonee azioni di controllo del territorio in quanto tali fenomeni di dissesto sono particolarmente sensibili alle precipitazioni temporalesche intense. Queste le previsioni meteo dell’ARPAV: dal pomeriggio di oggi aumento della probabilità di rovesci e temporali anche forti su Dolomiti e Prealpi. Domani, dalle ore centrali crescenti condizioni di instabilità a partire dalle zone montane e pedemontane; saranno probabili rovesci e temporali localmente anche forti, dapprima sulle zone montane e pedemontane, in successiva parziale estensione alla pianura specie nelle giornate di mercoledì e giovedì.

TEMPO PREVISTO PIANURA E MONTAGNA
PIANURA VENETA

Tempo previsto
Martedì 12. In prevalenza sereno, specie sulle zone sud-orientali, ma con crescente nuvolosità irregolare nella seconda parte della giornata sulle zone interne.
Precipitazioni. Assenti al mattino, probabilità medio-bassa (25-50%) di locali rovesci o temporali lungo la fascia pedemontana e sulla pianura nord-orientale. Possibili fenomeni localmente intensi.
Temperature. Senza notevoli variazioni.
Venti. Deboli/moderati, variabili, in prevalenza dai quadranti orientali su costa e pianura limitrofa. Possibili raffiche di vento in occasione di temporali.
Mare. Poco mosso. 

Mercoledì 13. Instabilità anche marcata, con tratti di sereno alternati ad annuvolamenti.
Precipitazioni. Sulla pianura centro-settentrionale medio-alta (50-75%), altrove medio-bassa (25-50%) specie nella seconda parte della giornata. Le precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale saranno sparse sulle zone pedemontane, locali altrove; possibili fenomeni localmente intensi.
Temperature. In contenuto calo con minime raggiunte in serata.
Venti. Variabili in direzione, moderati o a tratti anche tesi, con raffiche in corrispondenza dei temporali.
Mare. Da poco mosso a mosso. 

Tendenza
Giovedì 14. Nuvoloso o molto nuvoloso, specie nella prima parte della giornata, con residue precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale. Temperature in ulteriore diminuzione.
Venerdì 15. Residua variabilità, ma con prevalenza di tratti soleggiati. Precipitazioni generalmente assenti. Temperature minime senza notevoli variazioni o in leggera diminuzione, massime in contenuto aumento, ma ancora inferiori alla media del periodo.

PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

MONTAGNA VENETA
Tempo previsto
Martedì 12. Al mattino parzialmente soleggiato per primi annuvolamenti irregolari, nonché locali nubi basse su alcuni settori prealpini. Dalle ore centrali del giorno e sopratutto nel corso del pomeriggio gli annuvolamenti cumuliformi saranno sempre più intensi ed associati a fenomeni temporaleschi. Clima ancora prettamente estivo con afa nei fondovalle prealpini.
Precipitazioni. Al mattino generalmente assenti (0/10%), eccetto primi sporadici temporali al confine con il Trentino-Alto Adige (20/30%), nel corso del pomeriggio in graduale aumento fino a molto alta (80/100%) per rovesci e temporali, dapprima sulle Dolomiti, in successiva estensione alle Prealpi. In alcuni casi i fenomeni potranno essere intensi, non escluse locali grandinate.
Temperature. Minime stazionarie e massime in leggera flessione. I massimi saranno ancora di 28/30°C nelle conche Prealpine ed i 24/26°C a 1000/1200 m. Su Prealpi a 1500 m min 15°C max 20°C, a 2000 m min 12°C max 18°C. Su Dolomiti a 2000 m min 11°C max 19°C, a 3000 m min 7°C max 9°C.
Venti. Nelle valli da deboli a moderati per brezze, non escluse forti raffiche in corrispondenza dei temporali; in quota da moderati a tesi da Sud-Ovest, a 5-20 km/h a 2000 m, 25-45 km/h a 3000 m.

Mercoledì 13. Tempo variabile/instabile con schiarite e nuvolosità irregolare, spesso intensa, associata a precipitazioni a carattere di rovescio e temporali. Clima decisamente più fresco.
Precipitazioni. Nella notte probabilità molto alta (90/100%) per rovesci e temporali, localmente forti. In mattinata temporanea attenuazione dei fenomeni, anche se non saranno del tutto assenti (20/40%). Al pomeriggio ripresa dell’instabilità con probabilità sempre molto alta (90/100%) di nuove precipitazioni, anche temporalesche. Alla sera la neve cadrà sulle cime dolomitiche. 
Temperature. In generale calo con minime osservate alla sera. I massimi previsti saranno di 21/24°C nelle conche Prealpine ed i 16/18°C a 1000/1200 m. Su Prealpi a 1500 m min 9°C max 14°C, a 2000 m min 7°C max 11°C. Su Dolomiti a 2000 m min 6°C max 10°C, a 3000 m min -1°C max 4°C. 
Venti. Nelle valli deboli di direzione variabile, con raffiche in corrispondenza dei temporali; in quota da moderati a tesi da Sud-Ovest, a 10-20 km/h a 2000 m, 25-40 km/h a 3000 m.
Tendenza
Giovedì 14. Durante la notte perturbabilità con precipitazioni, nevose fino sui 2400/2600 m, localmente a quote più basse per intensi rovesci. Non esclusi temporali forti tra Prealpi e pedemontana. In mattinata diradamento della nuvolosità ed esaurimento dei fenomeni con successivi tratti soleggiati. Al pomeriggio qualche addensamento con isolati piovaschi su Prealpi. Temperature in ulteriore calo. In quota venti moderati dai quadranti settentrionali.
Venerdì 15. Tempo in prevalenza soleggiato con modesta attività cumuliforme durante le ore più calde. Aria tersa ed ottima visibilità. Temperature in aumento, eccetto calo delle minime nelle valli. In quota venti da deboli a moderati dai quadranti settentrionali, a regime di brezza nelle valli.