DSC_0100



La struttura, che si trova in via Arciso Mastrotto presso la sede della Fondazione Silvana e Bruno, integra l’offerta dei servizi sul territorio.
E’ stato inaugurato ufficialmente oggi ad Arzignano il primo Parkinson Cafè d’Italia. Il progetto si è concretizzato su iniziativa della Fondazione Silvana e Bruno, che ospita la struttura all’interno della propria sede, in via Arciso Mastrotto, in collaborazione con l’ULSS 5 Ovest Vicentino.
Il taglio del nastro si è svolto questa mattina alla presenza del sindaco di Arzignano Giorgio Gentilin, dell’assessore regionale ai servizi sociali Manuela Lanzarin e della presidente della Fondazione Giovanna Mastrotto. Per l’ULSS 5 Ovest Vicentino erano presenti il Commissario Giovanni Pavesi; il dott. Michele Morra, direttore dell’U.O. di Neurologia, la dott.ssa Tiziana Mesiano, responsabile dell’Ambulatorio Parkinson.
Il Parkinson Cafè rappresenta un’iniziativa innovativa per il territorio, configurandosi come uno spazio aperto ai malati ma anche ai familiari, un luogo di incontro e confronto per non sentirsi soli ad affrontare la malattia.
La struttura godrà del supporto degli specialisti della Neurologia dell’ospedale di Arzignano e andrà a completare l’offerta di servizi dedicati nel territorio, dove è attivo da tempo anche un ambulatorio dedicato ai malati di Parkinson, aperto tutti i martedì mattina.

L’Ambulatorio Parkinson, al quale si accede tramite impegnativa del medico di famiglia, segue attualmente circa 250 pazienti, con l’obiettivo di garantire loro la continuità dell’assistenza, anche dal punto di vista dei medici che li hanno in carico. «Il paziente – spiega il dott. Michele Morra – viene visto sempre dallo stesso medico, o al massimo da due, e quindi vi è una perfetta conoscenza della sua storia clinica. E questo nel caso dei malati di Parkinson è particolarmente importante, in quanto è necessario monitorare con attenzione l’evolversi della malattia, definendo e poi adattando continuamente anche la terapia farmacologica, che è sempre personalizzata. L’obiettivo dell’Ambulatorio Parkinson è proprio seguire i pazienti per tutto l’arco della malattia, monitorandone gli sviluppi».

PER ESSERE AGGIORNATO ADERISCI AL GRUPPO FACEBOOK “NOTIZIE VENETE CURIOSE” OPPURE VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DI VENETIANPOST E RESTA AGGIORNATO