La notizia ha fatto subito il giro del web ed ha provocato una reazione mediatica istantanea che coinvolge anche altri social network e apps dello smatphone. Tutto parte dalla denuncia di una mamma che va a prendere il figlio di 5 anni all’asilo. Mentre parla con le amiche e lo perde d’occhio per qualche minuto, si accorge che una sconosciuta se l’è portato via. Si sta allontanando stringendo il bimbo per mano.
Secondo la ricostruzione della donna, la sconosciuta era una zingara. La tradiva l’abbigliamento. La mamma si mette ad urlare e la rapitrice o presunta tale corre verso una Clio bianca, sale e fugge in direzione di San Donà. E’ un episodio accaduto giovedì 27 novembre ma denunciato ai carabinieri di Favaro solo ieri sera. Aveva infatti denunciato il fatto in rete, confidandosi con le amiche e subito è scattata la psicosi della Clio bianca. Su Whatsapp si sono formati dei gruppi di genitori per mettersi in guardia a vicenda sulla presenza di una clio bianca di nomadi che gira per il veneziano con lo scopo di rapire i bambini. Il racconto per ora non ha conferme, ma la denuncia esiste.