Suora-fustigatrice



Ci sarebbe una scappatella con una delle parrocchiane e un successivo rimprovero da parte di una suora tra i retroscena dell’incendio a un gruppo di sedie, durante la messa, appiccato all’interno della chiesa di San Pietro a Trissino (Vicenza), con danni per circa 10 mila euro, il 27 dicembre scorso. Protagonista della vicenda, resa nota dai carabinieri dopo la chiusura delle indagini, un operaio di 31 anni, celibe, incensurato, che avrebbe agito così per vendicarsi della “ramanzina” da parte di una delle religiose che frequentano come lui la parrocchia. L’uomo ha finito con l’ammettere le proprie responsabilità, riconducendo il gesto anche ad un periodo di stress. Dopo essersi pentito e scusato con il parroco, ha assicurato di risarcire il danno, pur potendolo solo fare a rate per questioni economiche.

 

LO SCORSO 27 DICEMBRE ACCADDE… Incendio stamane alle 11 nella chiesa di Trissino. Le fiamme sono divampate nella sala magazzino sotto la chiesa parrocchiale San Pietro Apostolo. La chiesa era piena di fedeli che assistevano alla messa domenicale delle 11. Si era arrivati al momento della comunione, quando si è sentito odore di plastica bruciata e dal corridoio è cominciato a comparire del fumo. I fedeli hanno lasciato la chiesa assieme al sacerdote. Subito è stato dato l’allarme, e i vigili del fuoco di Arzignano hanno spento le fiamme. La chiesa resterà però inagibile a causa delle sostanze tossiche che si sono liberate al suo interno.
.

PER ESSERE AGGIORNATO ADERISCI AL GRUPPO FACEBOOK “NOTIZIE VENETE CURIOSE” OPPURE VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DI VENETIANPOST E RESTA AGGIORNATO