OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

PER ESSERE AGGIORNATO ADERISCI AL GRUPPO FACEBOOK “NOTIZIE VENETE” OPPURE VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DI VENETIANPOST



Fine di un incubo per Graziano Stacchio? La Procura di Vicenza ha depositato la richiesta di archiviazione del procedimento contro il benzinaio di Ponte di Nanto che il 3 febbraio del 2013, durante una sanguinosa rapina alla gioielleria Zancan vicina al suo distributore, uccise uno dei rapinatori. Su di lui pendeva l’accusa di eccesso colposo di legittima difesa. Era intervenuto per difendere la commessa della gioielleria assaltata da un gruppo di banditi nomadi. Uno dei colpi esplosi da Stacchio uccise Albano Cassol, un nomade di 41 anni, con un colpo che lo raggiunse ad una coscia. Per la Procura i banditi in quell’occasione spararono per uccidere, con raffiche di mitra esplose ad altezza d’uomo. Stacchio, dunque, avrebbe risposto ad una minaccia mortale con un mezzo proporzionato, cercando però di non colpire parti vitali del rapinatore.