abusivismo

Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



VENEZIA – GUARDIA DI FINANZA: STOP ALL’ABUSIVISMO. Il Comando Provinciale di Venezia sta attuando da tempo un piano straordinario contro l’abusivismo commerciale, la vendita di prodotti contraffatti e la commercializzazione di merci pericolose o insicure. Particolare attenzione è dedicata al centro storico di Venezia, in conformità alle direttive della Prefettura in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica. Solo all’interno della città lagunare, a partire dalla seconda metà di luglio, il dispositivo prevede l’impiego quotidiano, durante tutto l’arco della giornata, di numerose pattuglie in borghese a rinforzo dei presidi del Corpo già stabilmente operanti in Riva degli Schiavoni, lungo Strada Nova, nonché in zona Calle Larga XXII Marzo. Altro personale in uniforme, inoltre, è impegnato lungo i punti nevralgici di smistamento, sosta e passaggio degli abusivi, in particolare tra il Palazzo Ducale e l’Hotel Danieli ove stazionavano numerosi abusivi. Il piano operativo straordinario, predisposto dal Comando Regionale del Veneto, punta ad aumentare la percezione della legalità in luoghi, quali la città di Venezia, che appartengono alla quotidianità dei residenti ma che sono anche una vetrina mondiale per l’Italia tutta. Oltre a un efficace effetto deterrente e di prevenzione, il dispositivo straordinario ha consentito di intercettare anche numerosi venditori irregolari, che in alcuni casi si sono dati alla repentina fuga per le calli abbandonando l’illecita mercanzia. A confermare la bontà del piano operativo nelle calli veneziane parlano i numeri, 34 soggetti segnalati all’Autorità Giudiziaria, 122 soggetti segnalati all’Autorità amministrativa e circa 5000 prodotti sequestrati negli ultimi 10 giorni, tra borse, magliette e occhiali contraffatti, oltre alle ormai diffusissime palline antistress, freccette luminose e articoli vari, tutti privi dei requisiti previsti dal “Codice del Consumo”. PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

Sui prodotti non erano chiaramente riportate, in lingua italiana, tutte quelle informazioni indispensabili per il consumatore come la presenza di sostanze nocive e/o pericolose, le eventuali precauzioni d’uso, nonché la composizione ed i materiali costitutivi del prodotto e l’indicazione del produttore! Analoghi controlli sono poi stati condotti lungo le spiagge di Chioggia e Sottomarina e sul lungomare di Jesolo, con il sequestro di oltre 20000 articoli (soprattutto bigiotteria) nei confronti di 5 esercizi commerciali nei pressi della centralissima via Bafile a Jesolo, dove sugli scaffali venivano esposti i prodotti privi delle indicazioni di legge previste dal Codice del Consumo. Per tutta l’estate, le pattuglie della Guardia di Finanza continueranno a presidiare soprattutto il centro di Venezia nelle fasce orarie di maggiore afflusso di turisti e visitatori.