SCATTA L’ALLARME TERRORISMO PER IL FURTO DI UN AUTOCARRO AL TRONCHETTO: DUE ARRESTATI DALLA POLIZIA DI STATO
Per essere aggiornati sulle notizie e le curiosità del Triveneto iscriviti al gruppo “VENETO NOTIZIE”, oppure clicca ‘mi piace’ sulla pagina Facebook di VENETIANPOST



Nel pomeriggio di mercoledì scorso, le Volanti della Polizia di Stato con l’ausilio delle Unità Operative di Primo Intervento (UOPI) hanno arrestato un uomo di nazionalità ucraina (M.A., classe 1971) ed una donna di nazionalità russa (I.M., classe 1986), entrambi senza precedenti, per aver commesso il furto aggravato di un autocarro posteggiato all’Isola del Tronchetto.
In particolare, intorno alle 14.20 personale di una ditta di traslochi impegnato nelle operazioni di carico e scarico nell’isola del Tronchetto notava che degli estranei si allontanavano a bordo del furgone aziendale in direzione del mercato ittico e contattava subito il 113 comunicando le caratteristiche ed il numero di targa dell’autocarro.
Nell’immediatezza, un equipaggio delle Volanti veniva inviato sul Ponte delle Libertà dove intercettava il veicolo rubato e unitamente alle UOPI si poneva al suo inseguimento.
Dal momento che il conducente del furgone non ottemperava all’intimazione di arrestarsi, le UOPI sorpassavano l’autocarro costringendolo all’arresto. A bordo del mezzo venivano trovati i rei che venivano accompagnati in Questura.
Ivi si procedeva alla loro perquisizione, con esito negativo. In ogni caso, stante la flagranza di reato, venivano tratti in arresto e saranno processati in data odierna.
PER ESSERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: VENETO NOTIZIE

Tale episodio denota ulteriormente l’attenzione posta dall’apparato di sicurezza nell’attività del controllo del territorio, per contrastare episodi che possano avere anche un rilievo di preoccupazione a seguito dei noti fatti di Nizza e Berlino. Il cittadino ucraino, inoltre, è stato trovato in possesso di un documento d’identità rumeno risultato falso, e pertanto anche arrestato per l’ipotesi di cui all’art. 497Bis C.P.