casino-venezia venetianpost

Tempi duri par tuti ma anca par chi se ocupa del zugo d’azardo. Tien banco a Venezia el piano de riorganizazion del Casinò, che el comisario straordinario Vittorio Zappalorto sè drio organizare in questi giorni e che tien caldi i sindacati. Gira voze infati, de taji e ridimensionamenti che ga l’obuetivo de recuperare su base anua 4 milioni de euri fra tagli, minori spese e posibili aumenti de entrate e nel programa -stando ala Nuova Venezia- rientrarà quasi certamente la sede storica de Ca’ Vendramin Calergi. Se pensa a un’apertura limitata del Casinò, per esempio ai fine setimana quando che ghe sè più gente. In sostanza se podaria risparmiare oltre un milion de euro con la mesa a riposo de 14 croupier che xè drio andare in pension e lo steso vale per qualche dirigente (ricordando che qualcun ga na retribuzion che supera i 100 mila euri al’ano). Inoltre se pensa de intervegnere anca sui orari e le mansiòn dei dipendenti, usando el pugno de fèro con qualcun che se rifiuta de andare a Ca’ Noghera disendo che el ga el mal d’autobus. Altri fronti lo smaltimento dele ferie e ai casi de malatia che i capita, varda caso, proprio nei periodi strategici del’ano. Se aumentarà forse anca i tavoli de chemin de fer nei periodi migliori pa incrementare i incassi, e la revision del mecanismo de le slot machines. Sul piè de guèra i sindacati perché i provedimenti metaria in discusion i acordi. Vaghelo a dire a chi che non ga lavoro…