guardia finanza verona falso contraffazioni



Nei giorni scorsi, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Verona hanno ottenuto un significativo risultato in termini di contrasto alla contraffazione. L’indagine è scaturita da una pregressa attività svolta nel periodo natalizio dai militari del Gruppo di Verona nel settore della commercializzazione di prodotti falsi, che aveva portato al sequestro di oltre 6.400 articoli recanti noti marchi contraffatti e di 40 giocattoli pericolosi per l’infanzia, individuati grazie al sistema europeo RAPEX che consente un’identificazione tempestiva e un rapido ritiro dal mercato dei prodotti a rischio per la salute dei più piccoli. In quel caso furono cinque le persone denunciate, alcune di nazionalità cinese, alla Procura della Repubblica di Verona. I preliminari approfondimenti investigativi, finalizzati alla ricostruzione della filiera di distribuzione della merce, hanno consentito di individuare un’attività operante a Verona, gestita da un cittadino cinese, che esponeva in vendita sciarpe e foulards, apparentemente contraffatti, riportanti la nota griffe “Burberry”. L’esame della documentazione fiscale sequestrata, ha consentito di individuare ulteriori 2 attività commerciali, operanti a Monza e Prato e di sequestrare oltre 650 articoli (sciarpe e foulards) del noto marchio “Burberry”.

 

Tre persone sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria per le violazioni previste dagli artt. 473 (contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi di opere dell’ingegno o di prodotti industriali) e 648 (ricettazione) del codice penale. Il contrasto all’abusivismo, alla contraffazione ed al commercio di prodotti che pongono a serio rischio i diritti di proprietà intellettuale, sono sempre all’attenzione della Guardia di Finanza in considerazione dei molteplici effetti negativi che tali fenomeni producono, danneggiando il mercato, confondendo il consumatore finale, sottraendo opportunità e lavoro alle imprese che rispettano le regole ed in qualche caso mettendo addirittura in pericolo la salute dei consumatori.

PER ESSERE AGGIORNATO ADERISCI AL GRUPPO FACEBOOK “NOTIZIE VENETE CURIOSE” OPPURE VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DI VENETIANPOST E RESTA AGGIORNATO