tavecchio banane venetianpost (fonte foto: ilnapoletano.org)

L’onda lunga delle dichiarazioni di Tavecchio sulle banane e gli immigrati ha ancora i suoi effetti. Sabato 25 ottobre, infatti, si terrà la prima edizione della “Optì Poba Cup”, torneo di calcio tra la Polisportiva Independiente e la squadra “Refugees All Stars”, formata da migranti e richiedenti asilo. Il fischio d’inizio sarà alle ore 14.30 al campo parrocchiale di Santa Bertilla. Si chiamerà ‘Optì Poba cup’, un torneo di calcio amatoriale intitolato al giocatore immaginario citato da Carlo Tavecchio, nella celebre frase delle ‘banane’, che scatenò una serie di polemiche.
“A più di un anno dalla strage di Lampedusa -recita un comunicato del Bocciodromo di Vicenza- la questione dell’accoglienza dei profughi nel nostro paese è ancora al centro del dibattito politico e, da alcuni, viene utilizzata in modo strumentale per alimentare odio xenofobo.
Crediamo invece in un’idea diversa di sport, costruito come un momento di incontro e abbattimento di pregiudizi e barriere; per questo, abbiamo pensato di organizzare una amichevole per dimostrare che la nostra città è accogliente nei confronti di persone la cui unica colpa è quella di cercare un futuro migliore.
L’abbiamo chiamata “Optì Poba Cup” – citando Carlo Tavecchio – perché purtroppo nemmeno il mondo del calcio tradizionale è immune da comportamenti o linguaggi razzisti. La recente condanna da parte dell’Uefa nei confronti del presidente della Fgic per frasi razziste dovrebbe far riflettere tutti e tutte.
Oggi quindi non possiamo certo prevedere chi alla fine la spunterà tra le due formazioni, ma sicuramente possiamo dire che a vincere sarà l’accoglienza. Speriamo sia solo la prima vittoria verso lo scudetto dei diritti di cittadinanza”. (Redazione Venetianpost)