piazza matteotti vicenza marocchino



E’ in Italia da anni ed anni, assieme ad altri connazionali tiene sotto scacco un parcheggio cittadino. Non parliamo di un parcheggio qualsiasi, ma del centralissimo park di piazza Matteotti a Vicenza, davanti allo splendido Palazzo Chiericati e all’ingresso del Teatro Olimpico. Il protagonista è un clandestino, con una lunga serie di precedenti penali ma al momento non espellibile. El Mehdi El Hadani, 45 enne marocchino, ha trasformato quel parcheggio in una sua zona. Non si limita a chiedere soldi, ma nel caso di rifiuto batte i finestrini, dà pugni alle automobili, insulta ad alta voce. E alla fine della giornata va a cambiare cifre che si avvicinano ai 100 euro nei bar dei paraggi. La città si divide. Gran parte della gente lo vuole fuori dalle scatole, ma vi sono delle donne vicentine che lo difendono. In un’occasione, quando la polizia locale gli ha sequestrato i soldi, sono intervenute accusando i vigili di colpire i deboli, etc… Alcune signore quotidianamente vanno a consegnargli l’elemosina e lo foraggiano con sacchetti di cibo. Non si può certo criticare il senso umanitario dei cittadini, ma gli stessi cittadini dovrebbero capire dove sta il limite fra l’indigenza ed il sopruso. E’ stato calcolato che guadagnerebbe circa 4200 euro al mese.

 

Di notte l’uomo dorme sotto il porticato di palazzo Chiericati ed ha ricevuto numerose sanzioni amministrative, tutte inevase. Ormai lo chiamano Boss. Una situazione paradossale nella Vicenza del 2016 e la sensazione di un’incredibile impotenza dei cittadini e delle forze dell’ordine che devono fronteggiare la legge italiana con le sue tutele a volte malsane. L’uomo con una certa arroganza si sente ormai una sorta di star, perché la stampa si è occupata spesso del caso. Tempo fa i malviventi che popolavano piazza Matteotti erano quattro. Due sono spariti. La piazza è di fatto sua, con l’appoggio esterno di un individuo connazionale violento.

PER ESSERE AGGIORNATO ADERISCI AL GRUPPO FACEBOOK “NOTIZIE VENETE CURIOSE” OPPURE VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DI VENETIANPOST E RESTA AGGIORNATO